click for Chilworth home click for DEKRA Insight home

Compagnie chimiche in tutto il mondo realizzano regolarmente reazioni esotermiche durante il normale processo di produzione di intermedi o prodotti finiti. Queste reazioni comportano un rischio inerente di runaway con potenziali effetti devastanti in termini di vite, impianti e ambiente proprio come successe nel tragico incidente di Seveso nel 1979 e di Bhopal nel 1984.

Questioni importanti

Avete sviluppato una valutazione dei rischi esaustiva dei vostri processi?
Questa valutazione è supportata da dati attendibili di prove termochimiche, inclusa la calorimetria isotermica e adiabatica?
Avete progettato i vostri sistemi di sicurezza conformemente a metodi accettati tanto internazionalmente quanto localmente?

COME POSSIAMO AIUTARVI?

  • Identificazione e valutazione dei rischi nei processi
  • Soluzioni di ingegneria
  • Sviluppo e ottimizzazione dei processi chimici
  • Prove di laboratorio
  • Corsi di formazione

Prevenzione e protezione

Valutazione della stabilità delle reazioni

  • Prove per la valutazione della stabilità termica e calcoli termochimici
  • Calorimetria di reazione con alta pressione e riflusso
  • Calorimetria adiabatica e simulazione di runaway
  • Studi di rilascio in ambiente

Dimensionamento dei dispositivi di sicurezza

L’installazione di un dispositivo di sicurezza è la soluzione più utilizzata per la protezione dalle sovrappressioni nelle aziende chimiche, farmaceutiche e simili. È adatto a reattori, serbatoi, essiccatori e altre apparecchiature, ma la corretta scelta ed installazione del dispositivo sono di fondamentale importanza per la sicurezza delle persone e delle strutture.

Spesso le dimensioni “standard” applicate dai costruttori di apparecchiature non sono adeguate perché non sono stati esaminati tutti gli aspetti del processo di cui farà parte tale apparecchiatura.

Attualmente la direttiva 97/23/CE (PED) obbliga i fabbricanti a svolgere un’accurata analisi di rischio ed a eliminare le cause di rischio dotando l’apparecchiatura di adeguate protezioni.

I nostri specialisti sono particolarmente esperti nel dimensionare correttamente i dispositivi, valutando tutti i possibili scenari incidentali e scegliendo il “worst case scenario”. Le nostre valutazioni sono oltretutto integrate con i dati necessari ricavati presso i nostri laboratori.

Siamo in grado di dimensionare:

  • Valvole di sicurezza
  • Valvole di non ritorno
  • Dischi a rottura prestabilita
  • Pannelli di scoppio

anche considerando flussi misti (metodologia DIERS) o monofase, in condizioni critiche o subcritiche e tenendo in conto dell’eventuale influenza di sistemi di convogliamento a blow down.